This is the blog for Franko B's sculpture class at Accademia di Belle Arti di Macerata, Italy.

Follow by Email

Riunione di lunedì 11 gennaio 2010

Lunedi 11 gennaio 2010

Riunione di classe.

Democraticamente è stata introdotta un’Agenda. Un foglio bianco è passato sul tavolo e con lui, la possibilità di annotare domande problematiche dubbi e questioni che abbiamo da esporre. In questo modo si è messo in luce ciò che sono i quesiti che portano a discutere sulla funzionalità del laboratorio e su ciò che riguarda l’organizzazione interna del corso di scultura.

Connessione internet e casse:
avuti i permessi dalla direttrice e da chi ne fa le veci, si è riusciti, con la collaborazione del prof. Fabrizio Sibona e studenti, ad allestire una parte del laboratorio con il video proiettore e casse annesse, in questo modo abbiamo la possibilità di visionare documenti necessari per lo studio, ma anche per mostrare i nostri lavori. Nell’arco di poco tempo avremo anche la possibilità di una connessione internet fruibile per tutti. Come nella Bauhaus, ci si muove costruendo ciò che occorre alla classe, per una funzionalità sempre migliore del laboratorio.

Discutere:
per la nostra formazione è importante discutere su ciò che facciamo e come lo facciamo, il blog serve a questo e non per scrivere sfoghi schiocchi. Quindi attenzione a cosa scriviamo perché il blog è pubblico. La discussione è sintomo di democratica comunicazione, ed è importante in quanto capace di portare alla luce dei problemi per poi risolverli.

Aiutarsi:
in un laboratorio occorre anche collaborare. Nelle scuole di Arte Londinesi è di norma che gli studenti del primo anno affianchino gli studenti più grandi nella realizzazione dei lavori di fine corso. Ovviamente il nostro sistema accademico ha un’altra modalità, ma questo non porta a non collaborare. Anzi sarebbe formativo per entrambe le parti creare una situazione di aiuto tra tutti.
Questo stabilisce un’uguaglianza lavorativa e nello stesso tempo aiuta nella crescita artistica di ciascuno.

Spazi espositivi:
perché non mettersi insieme, buttando giù delle idee per cercare di creare uno spazio espositivo che permetta di mostrare ciò che abbiamo prodotto artisticamente nell’anno? Siamo produttori di immagini, che devono uscire dalle mura accademiche per avere fruibilità. Se questo spazio all’interno della struttura accademia non è possibile averlo, possiamo sempre trovarlo. Perché non produrre un catalogo annesso alle esposizione che dia testimonianza a ciò che produciamo? Pensiamoci. Nelle scuole Londinesi si progetta un catalogo sui lavori di fine anno degli studenti, questo non solo permette di concretizzare il lavoro artistico, ma ha anche la possibilità di creare uno scambio e di rendere fruibile a tutti le nostre opere.

Sicurezza nel laboratorio:
dobbiamo stare attenti a come usiamo gli strumenti del laboratorio, non ci vuole niente per farsi male. Anche in questo aspetto dobbiamo aiutarci tra di noi, nel momento in cui vediamo che un nostro collega sta usando male uno strumento sarebbe opportuno bloccarlo e insegnargli come si usa.

Londra:
per il viaggio a maggio per Londra abbiamo dei link sul blog per quanto riguarda ostelli e sistemazioni per la notte. Sarebbe opportuno iniziare a vedere per il biglietto in modo da pagare meno il viaggio. Il viaggio a Londra sarà corredato da visite in musei, in atelier d’artisti e letture con artisti che lavorano a Londra.

Tema del prossimo lavoro: “La Paura”
L’esposizione del prossimo lavoro sarà 14/15/16/ aprili 2010
Come per l’oggetto trovato non ci sono limiti, siamo liberi di scegliere come rappresentare la paura.

Special guest:
il 12/13 aprile 2010 avremo la possibilità di conoscere Francesca Alfano Miglietti, importante critica d’arte e scrittrice di libri che hanno rinnovato i linguaggi artistici esempio è “Nessun tempo nessun corpo….” Oltre ad avere una lezione frontale con lei potremmo discutere personalmente del nostro lavoro.
A giugno incontreremo Eugenio Viola importante curatore del Project Room del museo Madre di Napoli.

Buon Lavoro
Franko b

No comments:

Post a Comment