This is the blog for Franko B's sculpture class at Accademia di Belle Arti di Macerata, Italy.

Follow by Email

per il vuoto


vorrei presentare il mio lavoro sul vuoto e insieme, se e' possibile, fare l'esame di scultura di anticipio, perche' non lo posso fare a marzo, vuolo a Lituania gia' 25 febbraio.
il mio lavoro e' uno modello piccolo (apprx. 50x45x45 cm) di una installazione grande (grandezza di una stanza). per il modello ho usato gesso, legno e carta.
sulle parete, ce sono delle sculture degli bambini malati; sul pavimento, ho incollato degli tagliati immagini dei prodotti a base di carne da riviste.
Per me, il vuoto non è solo una qualità di uno spazio - quello che è più importante, è la qualità di una persona. Si tratta di un certo tipo di emozione, o, più probabilmente, l'assenza di emozioni. Il vuoto potrebbe anche essere chiamato inquietudine esistenziale, parlando in termini filosofici. Per me, il desiderio di soddisfare il vuoto (che, tuttavia, non può mai essere soddisfatto) induce un processo creativo. Il vuoto incide sul mio lavoro. Penso che - intuitivamente - gli spettatori del mio lavoro può sentirlo.
Cercherò di spiegarlo in altre parole. A mio parere, il vuoto ha molto a che fare con assurdo. Sono sempre al passo con l'altro. Il vuoto induce assurdo e viceversa. Quindi per me, è assurdo anche elemento molto importante della creazione, così come il vuoto: in lotta con assurdi (= cercare di soddisfare il vuoto), che,
tuttavia, non può mai essere sconfitto (vuoto = non puo' essere soddisfatto) spinge processo creativo. Quindi, riferendosi al mio lavoro, uno spazio più o meno ridicoli, cioè in cui il rapporto tra le immagini di carne sul pavimento e sculture è assurdo, è anche uno spazio più o meno vuoto.
Mykolas

No comments:

Post a Comment